Consigli del chiropratico

PREVENIRE IL MAL DI SCHIENA

10 CONSIGLI DEL CHIROPRATICO

1) Dormi bene

Se ti addormenti senza dolori e ti svegli con il mal di schiena o il mal di collo, c’è qualcosa che non va nel letto, nel cuscino o nella posizione  che assumi dormendo. Evita di metterti a pancia in giù, perché provochi una rotazione della colonna vertebrale sia a livello pelvico, sia a livello cervicale; la testa infatti, rimane girata tutta la notte da una parte o dall’altra. Le posizioni corrette per dormire sono:
– a pancia in su, con un cuscino sotto alle cosce
– sui fianchi, preferibilmente il sinistro sotto, con un cuscino in mezzo alle gambe

2) Evita la sedentarietà

Vai a lavorare in bicicletta o a piedi, non cercare sempre il parcheggio più vicino; fai le scale invece di prendere l’ascensore. Mantenendo il sistema cardiovascolare allenato e la muscolatura più tonica, non migliorerà soltanto il tuo mal di schiena.
Trova un hobby o uno sport da fare almeno 2 volte a settimana, anche solo per un’ora; se non hai tempo, fatti suggerire brevi esercizi di routine, ce ne sono un’infinità. Evita gli sport ad “alto impatto”.

3) Occhio alla postura

Fai attenzione a come stai in piedi o seduto, in auto, al computer, sul divano, quando mangi. In auto appoggia il capo al poggiatesta, usa il supporto lombare del sedile e se non lo hai, procurati un piccolo cuscino. Non sederti sul portafogli, tienilo in un’altra tasca, non accavallare le gambe. Evita di “spalmarti” sul divano e cerca di non addormentarti mentre guardi la TV; al risveglio potresti avere brutte sorprese.

4) Scegli le scarpe comode

Indossa scarpe comode che abbiano sempre un po’ di tacco e che supportino la caviglia. Sono sconsigliati sia il tacco 18, sia la scarpa piatta. Evita le ballerine, le scarpe di tela, le scarpe slacciate e i lacci in velcro. Se sei costretto ad usare le scarpe antinfortunistica che sono pesanti e rigide e ti creano problemi, parlane con il datore di lavoro e chiedi di cambiarle. La scarpa più comoda è quella da ginnastica con le stringhe.

5) A letto si va per dormire

Elimina dalla camera da letto il televisore e se vuoi leggere, fallo in poltrona. Stare sdraiati a letto con due o più cuscini dietro la nuca per  leggere o guardare la televisione è dannoso per la colonna vertebrale. L’ideale sarebbe avere il televisore montato sul soffitto o comunque un proiettore che punta in alto, così da poter stare sdraiati supini, senza affaticare la schiena e il collo. Il cuscino va usato e deve essere uno solo, possibilmente ergonomico per supportare il collo.

6) Solleva i pesi in maniera corretta

Se ti capita di sollevare i pesi, piega le gambe e non la schiena; solleva il peso tenendolo il più vicino possibile al baricentro del corpo. Spesso  si pensa che sia il peso che abbiamo sollevato a causare il mal di schiena, ma non è così: è il movimento scorretto.

7) Bevi molta acqua

Mantenersi idratati aiuta l’organismo e i tessuti muscolari a funzionare correttamente. Quando ci muoviamo, i muscoli si contraggono e “sfregano” tra di loro creando attrito; se siamo idratati, l’insorgenza del mal di schiena diminuisce. Bere tanta acqua aiuta anche a perdere peso, perché stimola il metabolismo dei lipidi. Non esiste una quantità giusta o sbagliata, l’unico vero indicatore è il colore delle urine che devono essere paglierine trasparenti. Se bevi 4 litri di acqua al giorno e la tua urina è di colore giallo scuro, allora vuol dire che non è abbastanza. Al contrario, se bevi un solo litro al giorno ma le tue urine sono trasparenti, allora i tuoi reni sono felici.

8) Utilizza sedute ergonomiche

Se lavori tutto il giorno seduto in una scrivania, preoccupati di far controllare la tua postazione da un esperto. La sedia deve essere ergonomica e avere un supporto lombare, non deve essere né troppo rigida, né troppo morbida. Il monitor del pc deve essere dritto di fronte a te, ad altezza occhi e deve esserci un’illuminazione naturale indiretta. Le braccia devono formare quasi un angolo retto quando sono appoggiate e se hai un supporto per il polso, puoi diminuire il rischio di tunnel carpale. I piedi devono toccare terra o essere appoggiati a una pedana che li sollevi un po’, diminuendo l’angolo delle anche. Ogni 2/3 ore al massimo ti devi alzare, bere un bel bicchiere d’acqua, fare due passi e prendere una boccata di ossigeno.

9) Sii ottimista

Mantenere una mentalità positiva, modifica la postura del corpo. Quando siamo tristi, stressati, arrabbiati, tendiamo a chiuderci e a stare curvi con la schiena, quando invece siamo felici, siamo più aperti e dritti. Viviamo in un mondo caotico, siamo tutti sempre di corsa, basta davvero poco per migliorare la qualità della nostra vita.

10) Vai dal chiropratico

Non recarti dal chiropratico quando senti dolore. La chiropratica non è un semplice “scrocchiamento” di ossa che ti fa passare il mal di schiena, ma è una filosofia di vita. Gli antidolorifici e gli antinfiammatori sono palliativi che agiscono sul sintomo e lo nascondono, senza risolvere il problema. La chiropratica invece, cerca e rimuove la causa. Il corpo “guarisce” da solo, bisogna semplicemente aiutarlo.

 

Dr. Joseph Luraschi – Chiropratica & Salute